Gli sbalzi termici sono un rischio sottovalutato per la sicurezza alla guida

Gli sbalzi di temperatura possono trasformare le scheggiature dei cristalli in crepe e quindi causare un danno che richiede la sostituzione del parabrezza. Evitarli è la soluzione più semplice per proteggere il parabrezza

C’è un rischio per la sicurezza alla guida che viene spesso sottovalutato: quanti automobilisti sono infatti coscienti della minaccia rappresentata dalle escursioni termiche per il parabrezza? Eppure, uno dei gesti spesso effettuati quasi in automatico è quello di indirizzare aria calda sui cristalli dell’auto per sbarazzarsi della condensa che si forma sui vetri, soprattutto nella stagione invernale o comunque in zone in cui gli sbalzi termici sono più frequenti. Oppure in estate, dopo aver lasciato l’auto al sole, accendere l’aria condizionata tenendo gli sportelli chiusi. Ma questi semplici gesti possono causare un danno irreparabile: se è presente una scheggiatura, seppur piccola, o ci sono crepe nascoste sul parabrezza, lo sbalzo termico causato dalla differenza di temperatura interna ed esterna potrebbe trasformarla in una crepa, rendendo necessario sostituire il parabrezza.

Come usare il riscaldamento?

È quindi molto importante, in inverno, avviare il riscaldamento dell’auto gradualmente, evitando getti diretti di aria calda sul parabrezza.  E, in caso di parabrezza congelato a causa delle basse temperature di notte, non versarvi acqua calda per accelerare lo scongelamento. In estate, meglio lasciare gli sportelli aperti per qualche minuto prima di accendere il motore e i finestrini abbassati per i primi minuti di guida, invece di avviare subito l’aria condizionata.

L'importanza dei controlli periodici

È comunque sempre consigliabile, per prevenire il formarsi di crepe nel parabrezza, far controllare i vetri dell’auto periodicamente da parte di un tecnico specializzato, il quale accorgendosi in tempo di eventuali scheggiature può provvedere alla  riparazione del parabrezza auto prima che diventino dei danni più seri, risolvibili solo con la sostituzione del parabrezza stesso. Senza contare che intercettare le scheggiature in tempo e ripararle consente di evitare problemi di visibilità alla guida ed è un intervento rapido, a basso impatto ambientale e molto più economico della sostituzione.

Il costo di sostituzione del parabrezza può essere coperto da un’assicurazione che comprenda anche la copertura cristalli.